Pellegrini: «Grazie Lucas, ora devo scegliere il tecnico»

La campionessa azzurra scrive sul suo blog e ufficializza il divorzio dall'allenatore francese. «Con Philippe parlerò per chiarire delle cose lasciate in sospeso a Shanghai, ma senza risentimenti. Ho tante idee che mi frullano in testa, ma ho poche strade visto che resterò a Verona»

Il trasloco a casa nuova, il suo «sogno», le vacanze forse già in coppia, ma con una nuova decisione da prendere: la scelta del tecnico. Federica Pellegrini conferma che le strade tra lei e Philippe Lucas si dividono: i due ori mondiali a Shanghai sembravano non mettere in discussone il rapporto con l'allenatore francese, ma la volontà della campionessa di non muoversi da Verona ha creato una frattura insanabile.
Dopo la festa da diva, il gossip per il flirt con Filippo Magnini che continua a imperversare sui rotocalchi rosa e non (in edicola su «Chi» le foto in cui Magnini si avvicina con le labbra all'azzurra al Bar Rouge di Shanghai e addirittura quelle di baci appassionati tra i due in una discoteca di Milano risalenti al 2007), l'azzurra del nuoto divisa tra Spinea, dove stanno i genitori, e Verona dove ha comprato la casa nuova, deve pensare a chi affidarsi nell'anno cruciale che porterà ai Giochi di Londra. Spostamenti da Verona non ne prevede e quindi le possibilità non sono poi molte. Roma sarebbe suggestiva, vista la liaison con Magnini che nessuno dei due conferma: ma l'azzurro, rientrato a Pesaro, sembra aver chiuso con la fidanzata e ora programma una vacanza alternativa.
«In questi giorni tra Spinea e Verona farò anche delle riflessioni per quanto riguarda la mia guida tecnica futura - scrive la campionessa ai suoi fan sul blog -. Come ho sempre detto, la mia base, collegiali a parte, rimarrà casa mia e cioè Verona. Partendo da questo concetto sono poche le strade che mi si aprono per la scelta della mia nuova guida tecnica: ma valuterò tutto con molta cura e molto razionalmente, anche perchè il prossimo anno è l'anno olimpico. Ho delle idee che mi frullano in testa e in questi giorni parlerò con i diretti interessati». Annuncia di voler sentire anche Lucas, ma con lui solo per non lasciare in sospeso nulla: il capitolo appare definitivamente chiuso. «Con Philippe parlerò per chiarire delle cose lasciate in sospeso a Shanghai - scrive l'olimpionica - ma senza nessun tipo di risentimento. So benissimo che questo era un tipo di cambiamento (da Parigi a Verona) che a Philippe sarebbe risultato molto difficile. Io comunque lo ringrazio perchè è riuscito nell'impresa di farmi ripetere le due medaglie d'oro che avevo vinto a Roma 2009: e tutti sappiamo che ripetersi dopo anni non è mai facile soprattutto guardando cosa è successo alla mia vita negli ultimi due».
Sui totoallenatore la rosa è tutt'altro che ampia: al centro tecnico di Verona disponibile sarebbe Federico Bonifacenti, ma la campionessa si è presa qualche giorno per valutare anche altre opzioni. «Per gli altri nomi invece vi lascio in sospeso ancora per un po' perchè mi sembra giusto parlarne prima con loro» si limita a scrivere la Pellegrini. L'azzurra racconta che in questi giorni, dopo gli assoluti di Ostia è stata dai genitori a Spinea, ma ora tornerà a Verona «per sistemare definitivamente il mio sogno, e cioè la mia casetta». Poi una puntata al mare dalla zia «anche perchè sono tornata da Shanghai proprio bianca bianca visto che tutte le piscine li erano chiuse. Mi manca il mare». Ma la meta delle vacanze vere resta top secret, la compagnia forse meno.