La pelliccia finta è vera Animalisti contro Macy’s

Nella pubblicità on line era indicata come pelliccia finta. Ma poi, sull’etichetta, il collo del cappotto diventava improvvisamente di «genuina pelliccia di procione». Ovviamente «made in Cina». Gli animalisti, in azione da Macy’s, a New York, hanno subito messo il celebre negozio sotto accusa. Un giaccone (prezzo 237.99 dollari, 180 euro) reclamizzato sul sito per avere un collo a «imitazione del pelo di coniglio», poi, acquistato dai difensori dei diritti degli animali, mostrava un’etichetta diversa. E, soprattutto, gli animalisti intendono scoprire se il pelo di «procione» non sia, in realtà, di cane. I dirigenti di Macy’s si sono affrettati a spiegare che il marchio è contrario alla vendita di pellicce di cane e gatto. E che provvederanno a controllare i prodotti.