Pena capitale per chi rinnega l’islam 40 frustate se vesti in modo indecente

Diritti Civili. La sharia è legge dello Stato: prevede punizioni corporali come flagellazioni, amputazioni, lapidazioni e crocifissioni, oltre all’esposizione pubblica del corpo dopo l’esecuzione. Ma uomini e donne sono passati allo staffile anche solo per aver «disturbato l’ordine pubblico». Approfittando delle legge coranica viene data libera pratica a ogni forma di repressione del dissenso. Censura totale per i siti considerati anti islamici e impuri.
Religione. Il codice penale prevede la pena capitale per chi abbandona l’Islam. Il Sud abitato da cristiani è devastato dal Fronte islamico. Il genocidio in corso da decenni ha fatto due milioni di vittime. Ufficiali incoraggiati dal diritto di poter ottenere tutte le terre che riescono a conquistare, guidano milizie che uccidono gli uomini, e riducono in schiavitù donne e bambini. Le donne vengono violentate, ai bambini viene cambiato nome e religione.
Donne. Prevista dalla legge una punizione massima di 40 frustate per le donne che si vestono in modo contrario alla pubblica decenza. Il 40 per cento delle bambine è costretto a svolgere lavori pesanti.