«Penati blocca i nostri fondi»

Don Virginio Colmegna impone a Filippo Penati di mantenere gli impegni presi. Richiamo rivolto dall’ex direttore della Caritas ambrosiana al presidente della Provincia che, forse impantanato nella crisi di giunta, si è dimenticato dell’affaire «villaggio solidale». Progetto che, denuncia don Colmegna, rischia di naufragare perché la Regione «ha bloccato i fondi regolarmente ottenuti tramite bando».
Ma, sorpresa, la colpa è solo ed esclusivamente della Provincia di Milano «che ha presentato in ritardo il progetto esecutivo del villaggio». Ora, continua don Colmegna, Palazzo Isimbardi per recupare il tempo perso deve «fare ricorso» e, soprattutto, giungere «a un chiarimento politico con la Regione perché i fondi arrivino». Altrimenti? Quel villaggio che dovrebbe sorgere a Cologno Monzese sarebbe destinato a rimanere sulla carta.
Penati colto in flagranza, naturalmente, fa sapere che «verificherà con le altre Istituzioni la volontà politica di portare a compimento quest’opera», parole mentre il Comune di Milano si prepara a «fare il patto di legalità con tutti gli undici campi rom regolari». Annuncio dell’assessore Mariolina Moioli che giunge al termine di una giornata spesa dagli uffici per dare «ospitalità provvisoria a venti famiglie escluse dall’assegnazione dei posti in quel di Triboniano».