Penati: «Con noi soci più tutela del territorio»

da Milano

«Il nostro obiettivo non è mai stato di diventare soci di una compagnia aerea, ma quello, attraverso la partecipazione societaria, di tutelare gli interessi della comunità del territorio». Il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, commenta così le parole dell’ad di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, secondo il quale «non è previsto l’ingresso di entità non private» (come la Provincia di Milano, che si era fatta avanti) nella nuova Alitalia. «Il fatto che non ci vogliano nella compagine sociale - aggiunge Penati - non ci impedirà sicuramente di continuare la nostra battaglia per la difesa del futuro di Malpensa e Linate».
«La privatizzazione di Alitalia - aggiunge - è l’unica soluzione per risolvere la questione e finire il continuo ricorso al sostegno con soldi pubblici. Ciò che a me interessa è il futuro del sistema aeroportuale milanese. Ho fatto quella proposta perché non arrivavano risposte dal governo. Il ministro Frattini - prosegue il presidente della Provincia di Milano -, che si era impegnato a Milano per la revisione degli accordi bilaterali, non risponde». «Malpensa e Linate - afferma ancora Penati - non hanno bisogno di affidarsi a un piccolo monopolista quale sarà la nuova Alitalia, ma necessitano della liberalizzazione dei voli. Continueremo il nostro impegno sollecitando il governo perché si assuma le sue responsabilità a tutela delle esigenze del tessuto socio-economico dell’area milanese e lombarda. Milano e la Lombardia non possono perdere un hub e vedere avviato verso la chiusura Linate».