Penati si pente: «Basta clandestini»

Il presidente della Provincia Filippo Penati annuncia la linea dura con rom e «criminalità non nazionale», ma Rifondazione comunista gli risponde chiedendo una «verifica di giunta» e minaccia la crisi. La batosta elettorale semina già zizzania nel centrosinistra. «Io non sono sordo - assicura Penati - e il messaggio degli elettori è arrivato forte e chiaro. Almeno a me». Tema principe diventa allora la sicurezza. Proprio quello su cui il sindaco Letizia Moratti non molto tempo fa aveva portato i milanesi in piazza, raccogliendo da sinistra solo l’accusa di «strumentalizzare un problema inesistente». Oggi non è più così. Ora, assicura Penati, «serve sul territorio una maggiore presenza delle forze dell’ordine». Vi sembra di averla già sentita? «La sicurezza non è di destra né di sinistra - replica il primo inquilino di Palazzo Isimbardi -. La manifestazione della Moratti? Io non rincorro nessuno». (...)