Pendolari, è in arrivo il biglietto unico

L’autobus, in Lombardia, costa molto più del treno. I pendolari che si spostano con il pullman spendono fino al 30 per cento in più rispetto ai viaggiatori che si servono delle ferrovie per gli spostamenti. La denuncia arriva da Dario Balotta, segretario generale della Fit Cisl. Il sindacalista auspica anche «l’introduzione del biglietto unico, dal costo identico, che consenta ai lombardi di scegliere quale mezzo di trasporto utilizzare sulle diverse tratte».
Dal Pirellone la critica viene definita costruttiva. «Da tempo - spiegano i responsabili del settore Trasporti e Mobilità della Regione - stiamo lavorando all’introduzione dell’integrazione tariffaria. E tra due anni questa nuova formula potrebbe andare a regime». Una vera e propria «rivoluzione dei trasporti» che consentirebbe agli oltre 600mila pendolari una più ampia libertà di scelta. «Non sono solo questi i vantaggi - spiega Balotta -. Sarà possibile intercettare meglio la domanda e abbattere in maniera decisa i veicoli privati circolanti. E, di conseguenza, l’inquinamento».