Pendolari, in arrivo un bonus straordinario dalla Regione

Il fondo sarà destinato a contenere i disagi causati dal nuovo orario. Cattaneo: «Prenderò più spesso il treno per verificare»

Il Pirellone corre in soccorso dei pendolari, alle prese con il nuovo orario dei treni e con i rivolgimenti in arrivo nel settore dei trasporti. A gennaio sarà concesso un «bonus straordinario», per risarcire i pendolari dei disagi subiti e - immediatamente dopo - si passerà al potenziamento dei depositi per la manutenzione notturna dei convogli. Questi i principali provvedimenti annunciati dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, nel corso della conferenza stampa tenutasi oggi nella stazione ferroviaria di Lambrate.
La scorsa notte Cattaneo, insieme all'ad di Trenitalia le Nord, Giuseppe Biesuz, e a una task force di 70 tra dirigenti e tecnici di Regione Lombardia e Tln, ha compiuto una serie di controlli nei depositi e nelle stazioni ferroviarie per rendersi conto di persona delle cause di disservizi e ritardi di questi giorni. «Ho visto uno sforzo intenso per migliorare la situazione - dice Cattaneo - ma non abbiamo ancora raggiunto il risultato che ci aspettiamo. Questa mattina, nella fascia di punta, il ritardo entro i 5 minuti si è attestato troppo al di sotto dei nostri standard».
Cattaneo definisce la qualità del servizio in questi primi giorni di nuovo orario «inaccettabile» e dà ragione ai pendolari che protestano. «Farò di tutto - continua Cattaneo - perché le cose migliorino. Sono consapevole che questi problemi non si risolvono con un sopralluogo notturno, per questo ne seguiranno altri e da oggi userò più frequentemente il treno per i miei spostamenti personali in modo da tenere sotto controllo l'andamento e la qualità del servizio». L'assessore precisa però che la situazione «non è disatrosa e nella maggior parte dei casi i treni erano più decorosi e più puliti di un anno fa».