Pendolari, in pullman si spende il 30% in più

Per calmierare i costi, chiesto un biglietto unico per tutti i mezzi che portano in città. La Regione: «Proposta utile, ci stiamo lavorando. Ci sono ostacoli ma entro un paio d’anni ce la faremo»

Roberto Bonizzi

«Il sistema dei trasporti lombardo, così com’è, è inadeguato, inefficiente e non competitivo». Dario Balotta, segretario della Fit Cisl, non fa complimenti e spara alzo zero sulla rete ferro-gomma. «Ma c’è di più - continua -. I pendolari con un abbonamento all’autobus spendono molto di più rispetto a chi, sulla stessa tratta, si serve del treno. In media il 30 per cento in più». Le responsabilità, secondo il sindacalista, non vanno addossate all’attuale giunta Formigoni. «Non è una novità. Da trent’anni i trasporti in Lombardia versano in pessime condizioni». Poi la proposta: «Bisogna introdurre l’integrazione tariffaria. Un solo biglietto, dal costo identico, per gli spostamenti in treno o in autobus. Per realizzare anche l’integrazione tra i servizi. E poi il biglietto unico è una realtà in tutte le capitali e le principali città europee». Banalmente un pendolare potrà scegliere di spostarsi in treno la mattina e di tornare la sera con il pullman, a seconda della comodità degli orari.
Dal Pirellone, a sorpresa, arriva una mano tesa al sindacato. «La proposta di Balotta è utile - spiegano i responsabili del settore Trasporti e Mobilità -. La Lombardia sta lavorando da parecchio tempo sull’introduzione dell’integrazione tariffaria su tutto il territorio. Il problema è che abbiamo di fronte molti ostacoli». Poi i tecnici si sbilanciano anche sui tempi di realizzazione della «rivoluzione dei trasporti». «Probabilmente - dicono - entro un paio d’anni potremmo farcela». E non è solo questione di comodità. Se oggi l’82 per cento dei pendolari si sposta utilizzando l’auto, solo il 5,1 per cento si affida al treno e il 4,5 all’autobus. «Quando entrerà a regime l’integrazione tariffaria e dei servizi - prevede Balotta - potremo intercettare meglio la domanda e abbattere in maniera decisa la circolazione dei veicoli e quindi l’inquinamento».
Un discorso, quello dell’integrazione tariffaria, che riguarda oltre 600mila persone: 350mila i pendolari in possesso di un abbonamento alle ferrovie, 270mila quelli che utilizzano gli autobus per gli spostamenti quotidiani. «Milano e la Lombardia sono un’eccezione in tutto il panorama europeo - spiega Balotta -. Ovunque costa di più viaggiare su rotaia perché è un tipo di trasporto che prevede spese maggiori. In primis a causa delle comodità maggiori offerte dal treno, rispetto alla posizione del viaggiatore e al minor traffico presente sulla linea. E poi bisogna aggiungere tutti i costi per la rete, l’alimentazione, la manutenzione, il sistema di traffico, la creazione e la gestione delle stazioni. Un altro dato da valutare è la disparità del contributo regionale: 8,5 euro al chilometro per i treni, 2 euro per gli autobus».
Dal Pirellone, ancora una volta, solo conferme. «È un’anomalia tutta italiana - dicono i tecnici regionali -. La differenza deriva dalle vecchie tariffe statali. La logica direbbe l’opposto, ma da sempre lo Stato ha gestito la ferrovia, i privati le linee di autobus. Forse è per questo che il saldo è sbilanciato a favore del trasporto su rotaia». Sull’equiparazione delle tariffe dei due biglietti la risposta è una sola. «Nel 2002 - ricordano i responsabili del settore Trasporti e Mobilità - abbiamo aumentato le tariffe del treno. Ma a fronte di questa richiesta maggiore il servizio non è poi migliorato di molto. Continuano disagi e problemi. Come si fa ad aumentare ancora? Non ce la siamo sentita». Quindi, nella visione del Pirellone, l’integrazione tariffaria è una fase successiva. «Anche l’introduzione delle nuove tessere magnetiche dell’Atm a Milano ci può essere utile per studiare i flussi dei viaggiatori - proseguono i tecnici -. Dobbiamo lavorare ancora molto sul potenziamento della rete ferroviaria nel medio raggio, mentre è buono il sistema dei trasporti tra i capoluoghi di provincia e nelle città. Il biglietto unico sarà una conseguenza dell’ottimizzazione del sistema».