PENSIERI DI VIAGGIO / Una targa per i lettori

<em>Il Giornale</em> torna a Nairobi per inaugurare le nuove strutture costruite grazie ai nostri lettori<br />
<a href="/fotogallery/aiuto_lettori_ecco_cosa_abbiamo_costruito/id=2637-foto=1-slideshow=0"><strong>Guarda le immagini</strong></a><br />

Nairobi - Una targa applicata sul muro all’ingresso della classe principale della nursery: "La scuola è meravigliosa. Grazie a tutti i lettori de Il Giornale per la ristrutturazione dei servizi della scuola". Cinque mesi fa, dopo che siamo tornati da Nairobi, abbiamo lanciato l’appello a tutti i nostri lettori per aiutarci a raccogliere fondi per Alice for Children; l’obiettivo era quello di dare un aiuto concreto ai bambini di Korogocho, uno degli slum più popolati della città; rifare la cucina, allora estremamente pericolosa, costruire 7 bagni e sostituire il fango con il cemento nelle tre classi dalla nursery. E’ bastata una semplice richiesta da parte nostra e subito i nostri lettori, senza alcun indugio, hanno aderito, donando un totale di 27.000. Detto fatto, ad agosto Diego Masi e la sua squadra hanno iniziato i lavori. E già dopo 1 mese tutto era pronto.

Oggi, 6 dicembre siamo tornati nell’inferno dello slum per vedere come un'espressione di fiducia venga trasformata in una grande speranza, quella di poter vivere, o meglio sopravvivere, in condizioni più sicure ed igieniche. Ad attenderci vi era un nastro bianco ed una targa, simbolo che si può fare sempre di più, che ogni piccolo aiuto può essere una grande conquista, per chi ogni giorno combatte per la propria dignità. Oggi i nostri bambini possono trascorrere le ore in classe senza affogare nel fango; hanno bagni puliti, dentro ai quali si possono chiudere nel rispetto della loro intimità; le volontarie hanno una cucina dove poter lavorare tranquillamente; piano piano nel degrado di Korogocho una piccola oasi sta crescendo e voi insieme a noi state contribuendo alla realizzazione di tutto questo. L’emozione di vedere i nostri lettori scritti su una targa è stata immensa. Un grazie di cuore a tutti coloro che, insieme a noi , credono in questo progetto.