Il pensiero di Mazzini e la visione massonica

«Mazzini e la Massoneria, due secoli di battaglie ideali» è il titolo del convegno che si svolge oggi dalle 10 alle 12,30 presso l’Auditorium di Palazzo Rosso (via Garibaldi 18), a cura del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani. La manifestazione, patrocinata da Comune di Genova, Provincia di Genova e Regione Liguria, vede l’intervento di diversi docenti universitari. Dopo il saluto del professor Carlo Mereu, presidente del collegio circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Liguria, il professor Roberto Balzani dell’Università di Bologna e presidente nazionale dell’Associazione Mazziniana, esporrà il problema Mazzini nel quadro della storia italiana. Del rapporto tra Mazzini e Massoneria parlerà invece il professor Fulvio Conti dell’Università di Firenze. Spetterà poi ad un altro docente, il professor Santi Fedele dell’Università di Messina, parlare di tradizione, Massoneria e Mazzinianesimo. Un altro relatore, il giornalista Antonio Carioti del Corriere della Sera, tratterà il Risorgimento e la stampa quotidiana.
L’intervento dell’avvocato Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, concluderà il convegno. «Tutto il pensiero di Mazzini - spiega Raffi - collima con la visione massonica della fratellanza tra gli uomini e tra i popoli: esprime il primato della morale sulla politica, l’educazione come momento di elevazione ed emancipazione dell’individuo, l’idea di Europa dei popoli, uniti dall’uguaglianza, dalla libertà e dal rispetto di tutte le culture».
Il moderatore del convegno sarà l’avvocato Renzo Brunetti, vice presidente nazionale dell’Associazione Mazziniana.