Pensionato aveva un arsenale in casa

Armi da guerra e comuni. Aveva un vero e proprio arsenale in casa, l’uomo di cinquant’anni, arrestato ieri dai carabinieri di Frascati, dopo una perquisizione domiciliare. Sembrava un normalissimo pensionato, invece i militari della locale stazione si sono resi conto immediatamente di aver fatto centro, controllando la sua abitazione.
Infatti il cinquantenne, in possesso di porto d’armi e di alcune pistole regolarmente detenute, al momento del controllo ha provato a far di tutto per nascondere i «pezzi» che aveva. Ma non c’è riuscito. Nell’appartamento sono state trovate due mine antiuomo e una bomba a mano, armi in uso nel secondo conflitto mondiale, prive di carica esplosiva ma la cui conservazione resta vietata, nonché settecento bossoli di armi da guerra e uno da artiglieria antiaerea.
Inoltre, i militari hanno rinvenuto una pistola 357 magnum non denunciata, il kit completo per la ricarica di proiettili, circa 2 chili di polvere da sparo e quasi mille proiettili sfusi oltre a numerosi caricatori per pistole e fucili e, a quel punto, hanno deciso di sequestrare anche le armi che erano detenute regolarmente, due pistole, una carabina, un fucile a pompa e relativo munizionamento.
L’uomo è finito così in prigione con l’accusa di detenzione illegale di armi comuni e da guerra ed è stato portato nel carcere di Velletri.