Pensioni, sì al decreto Dal primo agosto arretrati e rivalutazioni

Dalla data unica alle rivalutazioni a fasce: ecco come cambiano le pensioni

È stato approvato ieri il decreto sulle pensioni varato dopo la sentenza della Consulta che ha bocciato una parte della riforma Fornero sulle perequazioni.

Questo significa che già dal primo agosto i pensionati riceveranno gli arretrati congelati finora e la rivalutazione dell'assegno. Ecco cosa prevede il decreto:

Rivalutazione automatica per fasce

Per il 2012 e il 2013 saranno rivalutate al 100% le pensioni fino a tre volte il minimo, al 40% quelle tra tre e quattro volte il minimo, al 20% quelle tra quattro e cinque volte il minimo, al 10% infine quelle tra cinque e sei volte il minimo. Per gli assegni complessivamente superiori a sei volte il minimo non ci sarà alcun adeguamento. Per il 2014 e il 2015 la rivalutazione è stabilita invece al 20% e, a decorrere dall’anno 2016, al 50%.

Cambia il montante contributivo

Il coefficiente non potrà essere inferiore a uno. La misura costa 11,9 milioni fino al 2023 e di 200mila euro a partire dal 2024. Le coperture arriveranno dal Fondo per interventi strutturali di politica economica.

Assegni versati in data unica

La novità è già scattata il primo giugno. Pensioni, rendite vitalizie, indennità: saranno tutti posti in pagamento il primo giorno di ciascun mese o il giorno successivo se festivo o "non bancabile", con un unico mandato di pagamento. Dal 2017, i pagamenti avverranno invece il secondo giorno "bancabile" di ciascun mese. Tra le novità introdotte l’indicazione che le pensioni verranno pagate il secondo giorno del mese a gennaio 2016 e dal 2017 per tutti i mesi.

Un miliardo per la Cassa integrazione in deroga

Il Fondo sociale per occupazione e formazione viene incrementato per il 2015 di 1 miliardo di euro, per il finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga. Gli oneri saranno coperti dal riducendo l’apposito fondo istituito dalla legge di Stabilità 2015 presso il ministero del Lavoro con una dotazione di 2,2 miliardi per ciascuno degli anni 2015 e 2016 e di 2 miliardi dal 2017. Arriva anche il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga per il settore della pesca per 35 milioni.

290 milioni per i contratti di solidarietà

Il decreto autorizzava inizialmente la spesa di 70 milioni di euro per l’anno 2015. Nel corso dell’esame parlamentare l’importo è stato portato a 290 milioni. In particolare per il 2015, 150 milioni sono destinati all’innalzamento dal 60 al 70% dell’integrazione salariale dei contratti di Tipo A (riservati alle imprese che hanno accesso alla cassa integrazione), e 140 milioni sono destinati ai contratti di Tipo B (utilizzati dalle imprese che non hanno accesso alla cassa integrazione) al fine di evitare o ridurre le eccedenze di personale. Inoltre, ulteriori 20 mln sono assegnati - passando da 115 a 135 milioni per il 2015 - per finanziare il secondo anno degli accordi di crisi aziendale per cessazione di attività che prevedono, tramite il trattamento di Cigs, la possibile rioccupazione dei lavoratori sospesi.

Niente oneri per il Tfr in busta paga

Nel decreto sono state inserite anche misure che facilitano i finanziamenti bancari in favore di datori di lavoro che non intendono corrispondere immediatamente il Tfr con risorse proprie. Le operazioni saranno esentate da oneri fiscali e semplificate nella procedura per ottenere garanzie, attraverso l’introduzione di un "privilegio speciale" sul credito specifico.

Le altre novità

Tra le novità introdotte nel corso dell’esame parlamentare ci sono anche un chiarimento sulle agevolazioni previdenziali per gli esposti all’amianto (vengono estese ai lavoratori in mobilità) e la soluzione per la questione della rivalutazione negativa subita dagli assegni a seguito della riduzione del Pil 2014.(ANSA).

Commenti

unosolo

Gio, 16/07/2015 - 15:29

come sempre chi non ha versato contributi Irpef ne verrà premiato mentre chi ha versato enormi tributi castigato , come incentivo ad evadere non è male visto che ci si campa meglio , molti di questi possessori della minia erano evasori e liberi professionisti che non si sono mai messi in regola , altri fregati da imprenditori che non versavano ritenute ma la maggior parte evasori o non hanno mai lavorato, premiati come sempre .

unosolo

Gio, 16/07/2015 - 15:34

ragionamento se arrivo alla bella eta di 70 anni e non ho versato Irpef avrò una bella pensione , quindi come sempre conviene non versare se sono un libero imprenditore autonomo e riesco a lavorare , guadagnare non spendere soldi per IRPEF comprarmi case nell'arco della vita affittarle e poi chiedo la sociale , tanto poi mi aumenta continuamente e raggiungo chi ha versato sempre ? si castiga chi è in regola agevolando l'evasione fiscale.

pasquino38

Gio, 16/07/2015 - 17:13

Cari amici "colleghi" pensionati, è bene sappiate che se la vs. pensione supera di poco i 1.500euro/mese NETTI (cioè circa 2.000 lordi), magari con 40 anni di contributi versati, l'adeguamento della ns. pensione sarà pari al 20% del 20% del 2,7%, cioè poco più dell'1 PER MILLE. Questo contiene il D.L. convertito in legge con il voto unanime della PSEUDO SINISTRA ITALIANA ovvero PD.Meditate gente...meditate..

Ritratto di caviste

caviste

Gio, 16/07/2015 - 21:47

un altra presa per i fondelli....Stipendi sopra una certo livello, mensa, università dei figli paghi il massimo. Quando sei pensionato sopra 5000 euro lordi sei ricco e non permetterti di chiedere un rimborso.Andate in .......

unosolo

Ven, 17/07/2015 - 17:50

è stato solo un colossale furto ai diritti del lavoratore .