Pera e Casini sotto attacco

«La guerra di Pera». Si surriscalda la vigilia del referendum, e il manifesto lancia un duro attacco al presidente del Senato. Il titolo di apertura della prima pagina è illustrato con cinque crociati schierati a spada sguainata. Non meno velenoso il titolo di pagina 3: «Pera crocifigge lo Stato laico», mentre il sommario aggiunge: «Il presidente del senato attacca la laicità dello Stato: “I confini della separazione tra stato e Chiesa vanno ripensati”». Se al quotidiano comunista non sono piaciute le ultime esternazioni di Pera, altre critiche non hanno risparmiato il presidente della Camera Casini: «Fresco di attiva propaganda astensionista, accusa il comitato per il sì di abbandonarsi a un “tipico esempio di disinformazia”». E il manifesto recrimina: «Nessuno gli ha risposto per le rime».