"Ma perchè vai a sinistra" Elettore italo-americano se la prende con Urso

A pochi passi da Piazza Montecitorio il coordinatore di Fli impatta in un elettore &quot;di destra&quot; piuttosto perplesso: &quot;Caro avete finito con l'allearvi con la sinistra? Questo per un uomo di destra è inaccettabile&quot;<br />

Perfino il Bobo Maroni (alias Dario Ballantini) di "Striscia la notizia" è costretto a fare anticamera quando poco dopo le 13 a pochi passi da Piazza Montecitorio il coordinatore di Futuro e libertà Adolfo Urso impatta in un elettore "di destra" piuttosto perplesso dalla via imboccata da Gianfranco Fini. Giù le telecamere e giù i microfoni in attesa che finisca la lunga e argomentata reprimenda a cui Urso replica non senza qualche imbarazzo. "Caro onorevole - dice l'avventore - io sono un elettore di destra da una vita e non amo Berlusconi. Ma se continui a seguire le follie di Fini non si sa davvero dove andremmo a finire". Il coordindatore del Fli replica con un po' di politichese, come se fosse in un salotto tv invece che per le strade del centro di Roma. E si becca una replica piuttosto sintetica: "Hai capito o no, caro Urso, che avete finito con l'allearvi con la sinistra? E questo per un uomo di destra è inaccettabile". L'ex ministro prova ad argomentare, ma l'interlocutore - seppure con toni pacati - è inamovibile: vivo negli Stati Uniti, non hai idea cosa si dica di Fini nella comunità italiana, non hai idea di cosa scriva America Oggi (il giornale della comunità italiana negli States), avete perso il senso della misura. Per Urso, passare alle domande del Maroni-Ballantini è quasi un sollievo.