Un percorso subacqueo per non vedenti nel mare di Monterosso

Un percorso subacqueo attrezzato per non vedenti è stato realizzato lungo le coste del Parco Nazionale delle Cinque Terre. Protagonisti del progetto sono i centri diving di Levanto e Riomaggiore in collaborazione con il presidente del Parco Franco Bonanini, che già punta a realizzare anche modellini di pesci e piantine in forma tridimensionale, per preparare a terra, con apposite lezioni, i non vedenti interessati ad approfondire la propria conoscenza dei fondali.
La scorsa estate, i sub avevano già fatto immersioni per persone con problemi di vista, accompagnandole a 'toccarè direttamente le alghe, le spugne, le posidonie e raccontando in diretta gli incontri con le tante specie che popolano la zona della riserva marina, dove è vietato pescare e ormeggiare con le imbarcazioni. L'area privilegiata è quella antistante l'abitato di Monterosso al mare: in una zona di mare facilmente visitabile con i sommozzatori. Gli istruttori si sono organizzati con attrezzature specifiche, come le speciali maschere che consentono un costante contatto con i visitatori non vedenti, attraverso un sistema di ricetrasmittente, che dà ad entrambi la consapevolezza di una presenza reciproca continua.