Perde l'amore, va in crociera e viene truffata: "Ha il malocchio"

Una quarantenne aretina incappa in due abili truffatrici, madre e figlia, che la convincono a credere di essere vittima di un malocchio. Alla fine le portano via 30mila euro fra denaro e gioielli

Arezzo - Per dimenticare un amore finito va in crociera e incappa in 2 truffatrici che le fanno credere di essere colpita dal malocchio. Il tutto ha inizio a fine anno quando una quarantenne aretina, in crisi d’amore, decide di fare una crociera nel mediterraneo. A bordo della nave viene agganciata da due donne, risultate poi essere madre e figlia entrambe di 53 e 30 anni che, con artifici ben congegnati, fanno credere alla donna di essere vittima di un malocchio ma di poterla aiutare a riconquistare l’amore perduto. Si tratta di due «ricche» rom, residenti a Reggio Emilia che possiedono ville e parchi macchine

La crociera termina ma non «l’inghippo». Iniziano una serie di incontri nella casa di Sabrina, nome di fantasia, dove attraverso i più svariati marchingegni convincono l’ignara «credulona» di poterla aiutare. In uno dei tanti giochi di magia le truffatrici si sono presentate con un uovo, che una volta rotto, presentava all’interno i capelli dell’amato. Sono così riuscite a estorcerle 20 mila euro in contanti più 10 mila euro in gioielli e oggetti appartenenti al fidanzato, tra i quali anche il piumone del letto. Giorno per giorno riescono così a carpire la fiducia di Sabrina mettendola in soggezione fino a che non ce la fa più e decide di rivolgersi alla Polizia di Arezzo. Iniziano così le indagini degli uomini di Marco Dal Piaz, capo della mobile di Arezzo, che solo ora hanno portato all’individuazione delle due donne. «Mesi di indagini - ha spiegato Dal Piaz. Un lavoro certosino che attraverso lo screening dei 1500 passeggeri della crociera ha portato al ritrovamento di madre e figlia che avevano fornito generalità false». Durante la perquisizione domiciliare non sono stati ritrovati nè soldi nè gioielli ma solo il piumone. Per Sabrina è finito così l’incubo mentre le due sono state denunciate per truffa.