Perdersi a Roma, perché no?

Si chiama «Perdersi a Roma, guida insolita e sentimentale» il libro di Roberto Carvelli, per i tipi delle Edizioni interculturali, che ridisegna una nuova geografia della città fondendo i linguaggi più diversi. Si va infatti dal racconto di viaggio alla prosa poetica, all’intervista, alla campionatura di voci. È, in fondo, un invito a smarrirsi, suggerito anche dalle parole di Luca Canali, Sandro Veronesi, Erri De Luca, Vincenzo Cerami, Valerio Magrelli, Attilio Bertolucci, Roberto Cotroneo, Carola Susani, Christian Raimo, Mario Desiati e altri ancora.