Perdite in 6 mesi per 27,4 milioni

Saras, il gruppo petrolifero della famiglia Moratti, archivia il primo semestre con una perdita netta rettificata di 27,4 milioni. Nello stesso periodo del 2009 l’utile era stato di 7,1 milioni. I ricavi hanno registrato una crescita del 74% a 4.065 milioni. Il gruppo è «tornato a produrre utili nel secondo trimestre 2010» (risultato netto rettificato di 2,4 milioni, +113% sul rosso di 18,3 milioni del 2009), ha spiegato il presidente Gianmarco Moratti. Il direttore generale Dario Scaffardi ha detto che con il nuovo programma di efficienza, il valore del titolo Saras potrà crescere tra i 30 e i 35 centesimi per azione. Saras fu quotata - vale la pena ricordarlo - a 6 euro nel 2006. Livello mai più raggiunto: ieri ne valeva 1,48 (meno 0,40%).