Perdite per Fiat e Impregilo

Guadagna France Télécom

Chiusura in deciso calo per Piazza Affari, in linea con l’andamento delle principali Borse europee, che hanno mandato in fumo, nel corso della seduta, 145 miliardi di euro di capitalizzazione, nel giorno in cui la Bce ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse. Il Mibtel ha ceduto l’1,88%, lo S&P/Mib l’1,86%, l’All Stars l’1,33%. In forte calo Impregilo (meno 6,66%) con Bulgari (meno 5%), Prysmian (meno 4,8%) e Stm (meno 4,2%), sulla scia del crollo a Francoforte del concorrente Infineon dopo la pubblicazione dei dati trimestrali che hanno visto una perdita netta di 396 milioni.
Lettera su Fiat (meno 4,12%) a quota 14,36 euro, con un minimo toccato dal Lingotto a 14,22. Contiene le perdite Generali (meno 0,7%) dopo i dati sulla raccolta premi 2007. Poco mossa Rcs (meno 0,6%): ieri sono stati presentati i conti 2007 con un aumento dei ricavi del 15% a 2,7 miliardi. In Europa l’indice Dj Stoxx 600, che fotografa l’andamento dei principali titoli quotati sulle piazze del Vecchio continente, ha ceduto l’1,94%. Forti vendite, in particolare, alla Borsa di Londra, che ha chiuso la seduta in calo del 2,58% nonostante il taglio di un quarto di punto dei tassi deciso dalla Banca d’Inghilterra.
Il Dax di Francoforte ha ceduto l’1,66% e a Parigi il Cac40 ha perso l’1,92%. Amsterdam ha invece chiuso in calo del 2,3% e Zurigo dell’1,92%.
Tra i settori sopra la parità solo i telefonici: in particolare France Télécom (più 3,7%) nel giorno della scadenza del periodo di lock-up per il ministero delle Finanze francese, che detiene una quota del 27,4% nel gruppo telefonico.