Perego: "Faccio un’altra domenica e ci riprovo con la Talpa"

La conduttrice ha in cantiere diversi progetti: a giugno l’esperimento <em>Il momento della verità</em>. Secondo le ultime indiscrezioni la presentatrice non avrebbe ricevuto proposte ufficiali per il Grande Fratello

Milano - «Condurrò un nuovo programma, in onda la domenica dalle 16 alle 19, ancora tutto da inventare». Paola Perego non dice una parola in più. Ma sembra proprio che, l’anno prossimo, la domenica pomeriggio di Canale 5 resterà orfana dello storico contenitore domenicale che, nel suo curriculum lungo 21 edizioni vanta, oltre a canzoni, giochi e variopinte coreografie, una girandola di ospiti, tra volti noti dello spettacolo, protagonisti della cronaca, uomini politici e concorrenti di reality che hanno scatenato anche accesi dibattiti e qualche polemica. «Chissà perché una litigata a Buona Domenica viene giudicata peggiore di una a Porta a porta... », osserva la Perego, che ha presentato il lungo show per il secondo anno consecutivo. Ma poi precisa che «le discussioni avvenute nell’edizione 2007 nello spazio chiamato Ring scaturivano anche da temi "alti" come la pena di morte, e si contano sulle dita di una mano».

Eppure l’estate scorsa Alessandro Salem, direttore dei contenuti Rti, ha invocato una linea editoriale meno aggressiva.
«Quest’anno l’azienda ci ha proposto di occuparci di tematiche sociali e noi abbiamo accettato con entusiasmo, evitando persino sovrapposizioni di voci fra gli ospiti».

Allora perché, secondo lei, Buona Domenica domina la classifica dei peggiori programmi dell’anno? È stata stilata da giornalisti e critici televisivi...
«Alcuni membri di quella giuria li conosco bene. Nei mesi scorsi mi hanno pregato perché li invitassi come ospiti in studio. Secondo me, per emettere il verdetto si sono basati sulle voci che circolavano sul Ring che ormai non c’è più. Forse non hanno neanche visto la trasmissione... ».

O forse non hanno gradito tutte le risse di Roberto durante Buona Domenica e i suoi tripli salti mortali con le donne...
«È lui che non fa mistero della sua complicata vita sentimentale. Al reality abbiamo dedicato un’ora a puntata perché uno dei nostri compiti è stato promuovere il palinsesto di Canale 5, come le fiction. La formula di varietà che abbiamo studiato ha funzionato senza il bisogno di "vampirizzare" altri show».

Quindi, secondo lei, la tv generalista ha ancora cartucce da sparare.
«È viva e vegeta. La pay-tv guadagna punti quando manda in onda eventi, ma le reti in chiaro non perdono così tanti spettatori».

I circa tre milioni che quest’anno l’hanno seguita regolarmente, vedono Paola Perego come una mamma affettuosa, capace di ascoltare e di aiutare chi si confida con lei. Si riconosce in questo ritratto?
«Più che altro mi commuove. È la prova che ho fatto il mio dovere. E non mi riferisco solo agli ottimi ascolti. Non è stato facile prendere il posto di un maestro come Maurizio Costanzo. Nell’info-talk che abbiamo messo a punto insieme con gli altri autori, ci siamo concentrati sui problemi che i nostri telespettatori ci raccontavano per e-mail, ne spedivano anche mille in un’ora, credo sia un record. Quasi tutti versavano in difficoltà economica. E, quando è stato possibile, abbiamo cercato anche di fare qualcosa di concreto. Sono molto stanca, ma anche dispiaciuta che quella di domenica sia stata l’ultima puntata».

A cui dice addio...
«Mi rivedrete martedì 10 giugno su Italia 1, alla guida della puntata pilota de Il momento della verità, un format che ha riscosso successo in America, Gran Bretagna e Spagna. Porrò al concorrente 21 domande molto personali. Se risponderà in modo sincero, lo aspetta un montepremi da 250mila euro. Ma, come vi accorgerete, non è facile vuotare il sacco... ».

Sempre su Italia 1, a settembre, tornerà a condurre il reality La Talpa, in coppia con Stefano Bettarini.
«Per essere precisi è un reality-game, unico nel suo genere, ed è stato uno dei momenti più importanti della mia carriera. Durante l’ultima puntata sfiorammo punte di share vertiginose, addirittura il 60 per cento. Inseriremo molte novità, ma per il momento posso dire solo che stiamo cercando uomini affascinanti e pronti a tutto. In primavera, invece dovrei portare su Canale 5 un programma prodotto da Maria De Filippi».

È il Grande fratello? Dovrebbe prendere il posto della sua bionda collega Alessia Marcuzzi...
«Non ho ancora ricevuto nessuna proposta ufficiale. E, per il momento, preferisco concentrarmi sulle numerose sfide che sono certa di dover affrontare».