Perego: «Alla Rai mi boicottavano»

«Sì mi brucia ancora tanto l'idea che quando ero a Raidue, con Al posto tuo, e battevamo Michele Cucuzza e la sua Vita in diretta su Raiuno, mi abbiano chiesto di andare meno bene. È un ragionamento contrario alla mia etica professionale. In Mediaset non accadrebbe mai». È uno dei passaggi dell'intervista a Paola Perego, neoconduttrice di Verissimo, il programma del Tg5 che dal 9 gennaio rinnova look e contenuti, che Chi pubblica oggi. «In Rai - dice la Perego - dopo il successo della prima edizione de La Talpa, gli stessi che mi avevano osannato poi hanno detto che si trattava di un programma scandaloso. E alla fine mi hanno dimenticata. Forse non sgomitavo abbastanza nei corridoi. A Mediaset invece c'è stata coerenza e riconoscimento del lavoro svolto ad Italia 1». A proposito dell'arrivo di una non giornalista - scelta già al centro di polemiche - la conduttrice dice: «Rispetto il lavoro della redazione». E lancia infine l'idea di Stefano Bettarini (già presenza fissa nell'ultima edizione della Talpa) come inviato e commentatore di cronaca rosa. Il cdr del Tg5 replica subito: «Siamo esterrefatti» e si riserva ogni azione a tutela della professione. Intanto la Rai ha pubblicato una nota nella quale la Rai smentisce e precisa che la Perego non ha mai battuto Michele Cucuzza.