Peres: Hezbollah usò missili russi contro Israele

Mosca. Nella recente guerra contro Israele i miliziani di Hezbollah hanno utilizzato razzi di fabbricazione russa. Lo ha detto ieri in un’intervista a un’emittente russa il vice premier israeliano Shimon Peres. L’anziano esponente politico ha detto ai microfoni di «Radio Ekho Moskvy» che le autorità israeliane sono venute a conoscenza che la Russia ha chiesto alla Siria di spiegare come questi razzi possano essere finiti nelle mani dei guerriglieri del Partito di Dio.
Israele sostiene che sono state la Siria e l’Iran a passare i razzi anticarro acquistati dalla Russia ai miliziani di Hezbollah. Le autorità di Mosca, da parte loro, respingono ogni responsabilità sull’accaduto e affermano di aver mantenuto uno stretto controllo sulla vendita delle loro armi. Lo stesso ministro della Difesa, Serghei Ivanov, ha dichiarato che Israele non ha le prove per sostenere le sue accuse. Ma non è chiaro se si riferisse all’effettivo impiego dei razzi russi o al fatto che questi siano stati passati a Hezbollah dalla Siria e dall’Iran.