Pericu ritorna alla carica: vuol fare il secondo stadio

Il sindaco firma l’agibilità, ma pensa a una nuova struttura

Sono le 11,40 di ieri. Il prefetto Giuseppe Romano e il sindaco Beppe Pericu firmano il documento storico che rende finalmente agibile e conforme, dopo oltre sedici anni, dai mondiali del Novanta, lo stadio Luigi Ferraris. Un lavoro lungo, durato quattro anni, da quando Romano si è insediato al vertice della prefettura genovese, costato circa quattro milioni di euro. I posti a sedere numerati sono 36.703, circa tremila in meno rispetto ai 40mila precedenti, che erano anche, in parte, in piedi. E un minuto dopo, il primo cittadino (...)