«Periferie da vedere»

«Il giorno del mio arrivo sono passato in un quartiere periferico, un posto strano dove ho rivisto una vecchia pubblicità del Fernet Branca, che adoro. Il taxista mi ha spiegato che c’era da poco stata una rivolta dei cinesi: così ho scoperto che Milano ha la sua Chinatown e mi sono un fatto un giro in zona». Giovane mercante d’arte specializzato nel contemporaneo, Nikolai Handeland, 29 anni, di Oslo, ha colto l’anima multietnica di Milano e non ne è rimasto sorpreso: «Ormai le città si somigliano tutte». Ha passato la scorsa settimana a girovagare in Zona Tortona, alla ricerca di artisti da contattare.