Le persiane nascondono le insegne dei negozi riservati agli immigrati

(...) di trasferimento di denaro da o per l'estero, una parrucchiera, un ristorante di «sapor latino», un centro di telefonia con collegamento ad Internet e così via. C'è tutto quello che serve ad un immigrato che si affaccia nella nostra città. Non che di queste tipologie commerciali la strada sia sprovvista, anzi non manca altro, ma la comodità di entrare in un unico posto e di trovare tutto il necessario senza dover avere a che fare con più interlocutori è un servizio di tutto rispetto. E la concorrenza si fa sempre più agguerrita.
Ma oltre ad offrire le cose, bisogna anche farle conoscere e una bella insegna è proprio quello che ci vuole. Se poi uno ne mette sei ancora meglio. Ma perché spendere soldi in costose luminarie? Tanto vale approfittare delle sei finestre dei due piani occupati dai vari negozi. Ed ecco che le persiane vengono utili allo scopo. Basta tenere aperta un'anta di ognuna, fissarla con un apposito gancio, giusto per non aver problemi con il vento, e appenderci un pannello per tutta la lunghezza. Così facendo si hanno ben sei insegne verticali visibili fin dalla piazza della Commenda. Gli stessi colori utilizzati vengono bene allo scopo: pannello bianco con scritte blu e bordi rossi. E pazienza se l'estetica dell'edificio ne risulta compromessa. I comitati della zona sono già sul piede di guerra per quello che considerano una vera e propria esagerazione e già stanno preparando lettere all'amministrazione condominiale e alla polizia municipale per sapere come sia possibile che possa accadere tutto questo senza che ne nessuno ne sappia niente. Ma il mercato ha le sue regole e si sa che la pubblicità è l'anima del commercio.