Perugia, maxioperazione antidroga della Gdf 28 arresti e 50 chili di droga sequestrati

Dopo un anno e mezzo di indagine la sezione antidroga della Guardia di finanza di Perugia ha scoperto un'organizzazione attiva nel traffico nazionale e internazionale della droga con un giro d'affari superiore al milione di euro. Arrestate 28 persone e sequestrati 50 chili di stupefacenti

Perugia - Ventotto arresti in fragranza di reato, 50 chilogrammi di sostanze stupefacenti e sette automobili - delle 431 totali - usate per il traffico di droga sequestrate. Sono questi i numeri della maxi operazione anti-droga portata a termine dalla guardia di finanza di Perugia. Altre 32 persone sono state denunciate.

I nordafricani Dopo un anno e mezzo di indagine, nel corso delle quale sono avvenuti i 28 arresti, il Gruppo investigativo criminalità organizzata - sezione antidroga - del Nucleo polizia tributaria della Guardia di finanza di Perugia è riuscito a estirpare dalle redici una grossa organizzazione che gestiva un traffico internazionale di stupefacenti. Ai vertici dell’associazione c’erano nordafricani e ne facevano parte soprattutto extracomunitari clandestini o impiegati in lavori fittizi, che gestivano un giro di affari di oltre un milione di euro.

Quattro prestanome L’organizzazione si avvaleva anche di quattro prestanome nullafacenti, arrestati dalle Fiamme gialle, ai quali erano state intestate le 431 auto di media e grossa cilindrata, immatricolate a partire dal 2005, solo alcune delle quali, come detto, sono state sequestrate. L’imponente autoparco serviva ai corrieri per smerciare meglio la droga, cambiando più volte vettura anche durante lo stesso viaggio. La droga, soprattutto hashish e marijuana, ma anche eroina e cocaina, proveniva dall’estero, prevalentemente dalla Spagna, raggiungeva l’area del Milanese e veniva distribuita già confezionata in dosi in Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio.