Pesano sul risultato i disinvestimenti accusati dagli obbligazionari e dagli azionari, che rendono inefficaci i dati positivi di flessibili e hedge A febbraio raccolta negativa per 4 miliardi

È in leggera diminuzione ma sempre negativa la raccolta dei fondi comuni. I deflussi, informa Assogestioni, sono pari a 4 miliardi. Pesano sul risultato i disinvestimenti accusati dagli obbligazionari e dagli azionari, che rendono inefficace la raccolta positiva messa a segno dai prodotti flessibili e dai fondi hedge. A febbraio solo i fondi esteri continuano a godere del favore dei risparmiatori. I deflussi del sistema hanno diretta conseguenza sul patrimonio, che si ferma così a poco meno di 602,4 miliardi.
I fondi flessibili continuano il percorso in territorio positivo e questo mese incassano flussi per oltre 2 miliardi. Il patrimonio della categoria cresce ancora e supera abbondantemente la soglia dei 56 miliardi: quasi il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Dopo un mese in negativo, i fondi hedge tornano a raccogliere. Per loro il mese si chiude con 495,8 milioni ed un patrimonio che arriva a sfiorare i 30 miliardi (29,7). Diminuiscono questo mese i deflussi per la categoria dei fondi di liquidità: il risultato di febbraio è pari a meno 698 milioni. È di meno 3,9 miliardi il risultato dei prodotti obbligazionari che continuano così ad accusare le perdite più consistenti. Il patrimonio si riduce fermandosi a 239,5 miliardi. Gli asset attuali dei fondi bilanciati sono superiori a 41,3 miliardi ma in diminuzione rispetto al precedente rilevamento. Il loro calo è funzione dei deflussi, che questo mese sono pari a 482 milioni.
I riscatti dai prodotti azionari tornano a correre oltre la soglia del miliardo: è pari 1,4 miliardi il dato negativo registrato dall'Associazione a fine febbraio. Nell'ambito delle tipologie giuridiche si osserva un ritorno in territorio positivo per la raccolta dei fondi hedge (495,8 milioni).