Pesanti gli energetici

Giornata in calo per Piazza Affari, con gli indici principali che arretrano di oltre lo 0,5% e scambi che si mantengono nelle medie delle ultime settimane. L’impressione prevalente è di un momento di pausa per scoprire nuovi spunti operativi, e per nulla influenzata dai record registrati in questi giorni da Wall Street. Nonostante il rialzo del greggio, i titoli petroliferi sono apparsi in calo, con Eni che perde quasi l’1%; maggiormente penalizzate Erg (meno 3,3%), Saras (meno 3,8%) e Trevisan (meno 4,5%). Andamento negativo per le utilities, con Aem che perde l’1,4%. Pioggia di realizzi sui titoli bancari, con Banco popolare ancora preso di mira (meno 1,5%). Rimbalza Fiat (più 0,7%), ma pesanti Tod’s (meno 3,1%), Eurofly (meno 2,4%) ed Rcs (meno 1,8%). Le incertezze del mercato non sembrano frenare il flusso di nuove quotazioni: da domani faranno il loro ingresso nel listino le azioni ordinarie Diasorin, nonché Cape Live.