Pescatori in rivolta: assalto all’Ue

Momenti di guerriglia ieri a Bruxelles, dove la protesta dei pescatori francesi e di 1.200 italiani è degenerata. Presa di mira la sede della Direzione generale agricoltura della Commissione europea. Macchine rovesciate, cassonetti in fiamme, lanci di pietre contro i poliziotti che hanno risposto caricando i manifestanti. Sessanta i fermati e 14 gli arrestati il bilancio finale, ma tra di loro non ci sono italiani. Feriti tre poliziotti. Gli addetti del settore ittico sono in rivolta contro l’aumento delle tariffe petrolifere: il diesel nautico è arrivato a 0,82 centesimi negli ultimi mesi, mettendo in ginocchio il settore. Le prime ripercussioni si sono avute anche in Italia. In Liguria impossibile reperire pesce fresco a causa del blocco.