Pesce al mercurio ma l’allarme è falso

Il pesce, compreso il tonno, è sempre stato considerato un ottimo alimento da inserire nelle diete di bambini e adulti, perché è un’ottima fonte di proteine e molti altri preziosi fattori nutritivi, come l’omega-3. Nel 2001 la scoperta: crescenti livelli di mercurio presenti in certi tipi di pesce renderebbe questo alimento poco adatto all’alimentazione di bambini e donne incinta. Il tonno, in particolare, è stato aggiunto alla lista dei pesci da evitare nel 2004. Allarme poi rientrato, dal momento che il rischio è stato successivamente ridimensionato a porzioni superiori ai 339 grammi di pesce a settimana. Troppo tardi, forse, per salvare la reputazione del tonno.