Pesci «mutanti» per colpa del depuratore del Comune

Francesco Gambaro

A rimetterci per primi sono stati i cefali contaminati (persino geneticamente modificati) dalla miscela di sostanze inquinanti scaricate dal depuratore di Sestri. Il problema è che la medesima sorte potrebbe toccare presto ad altri pesci, che di cefali si nutrono e che troviamo tutti i giorni sulle nostre tavole. Insomma c'è poco da scherzare, dopo che il depuratore di Sestri Ponente è stato posto ieri sotto sequestro dai carabinieri del Noe (nucleo operativo ecologico di Genova), nell'ambito dell'inchiesta nella quale ora risultano indagati l'assessore comunale alle opere idrauliche Valter Seggi, e i vertici di Genova Acque Giovanni Domenichini e Roberto Bazzano. I tre sono imputati i reati di danneggiamento, getto pericoloso di cose, scarico di acque reflue in violazione dei limiti previsti dalla legge. Tutta colpa di un impianto costato dieci milioni (...)