Pesci rossi, stop alle lotterie nei luna park

I cani randagi si potranno avere anche in affido

Diritto alla dignità e al rispetto degli animali domestici, norme repressive contro ogni tipo di maltrattamenti (abbandono compreso), controllo demografico, risanamento dei canili e creazione dei canili sanitari, affido anche temporaneo dei randagi, divieto di destinare gli animali ospitati nei ricoveri ad alcun tipo di sperimentazione e anche divieto di fare lotterie con i pesci rossi in premio come ancora accade in qualche luna park. Sono alcuni dei punti del progetto di legge «Lotta al randagismo e tutela degli animali d'affezione» approvato ieri dalla Commissione regionale Sanità. Il provvedimento, che deve passare ora all'esame del Consiglio, è la sintesi dell’abbinamento di cinque progetti d’iniziativa consiliare. La nuova normativa lombarda vieta di abbandonarli, di infliggere loro maltrattamenti, di utilizzarli in spettacoli, gare e combattimenti. Presso le Asl è inoltre prevista l’istituzione dell’anagrafe canina e felina, la cui identificazione deve avvenire con metodi indolore. A Comuni e Comunità montane competeranno il risanamento dei canili, il ricovero di animali catturati o raccolti, la possibilità di istituire un fondo speciale per la sterilizzazione di cani e gatti i cui proprietari non possano pagarsela. Gli animali potranno essere soppressi solo se gravemente malati, incurabili o in caso di loro comprovata pericolosità.