Via Petrarca Posteggio di moto col «pizzo»

Il parcheggio di moto di via Petrarca, tra il Palazzo della Regione e quello del Credito Italiano in Piazza De Ferrari, è senz'altro uno dei più usati dai motociclisti genovesi che vogliono avvicinarsi al centro storico. Comodo, grande, nel cuore del centro cittadino per di più gratuito è sempre pieno sia di giorno che di sera, ma ahimè adesso parcheggiare lì sta diventando un lusso. Il perché questa volta non è da imputare ad una nuova decisione comunale di far pagare la sosta ai motociclisti, bensì ad una gang di malviventi extracomunitari che si sono presi il monopolio del parcheggio. Insomma, se vuoi lasciare la moto in via Petrarca devi pagare qualche euro ai sedicenti parcheggiatori se no peggio per il tuo veicolo. Vale a dire: se vuoi trovare la moto come l'hai lasciata devi pagare il pizzo. Infatti appena con la moto ti avvicini ad un posto libero il finto parcheggiatore ti viene incontro facendo finta di aiutarti a sistemare bene la moto e quando l'hai sistemata ti chiede il compenso con fare mellifluo che sottintende, se non mi dai quello che ti chiedo io non assicuro niente per la tua moto. Tutte le persone che si trovano in quella situazione per evitare brutte sorprese al ritorno girano un euro o due agli accattoni che a quel punto garantiscono l'incolumità del motoveicolo. Segnalata la cosa al Commissariato retrostante di Piazza Matteotti è stato assicurato che saranno presi i giusti provvedimenti a riguardo. Nel frattempo la Polizia consiglia di non pagare assolutamente il pizzo ai malviventi, ma se mai di fare subito il 113 in modo arrivi repentinamente una volante a sventare gli abusi.