Il petrolio aiuta gli energetici

La svolta positiva che sembra consolidarsi sui mercati azionari ha coinvolto Piazza Affari, attraverso un apprezzamento degli indici però inferiore a quello delle Borse europee. Mibtel e S&P/Mib segnano un progresso dello 0,3%, ma cresce il volume degli scambi, intorno a 7 miliardi. I rialzi hanno interessato sia le blue chip che i maggiori comparti del listino: bene gli energetici che seguono le quotazioni del greggio, con Saipem in crescita di oltre il 2%, mentre Eni ed Enel vanno in vantaggio dell’1%. Irregolari le utility, con Aem e Asm Brescia che perdono qualche frazione. Corrono i telefonici, mentre nei bancari limano Unicredit e Intesa S.Paolo, ma la domanda insiste su Banco popolare. In forte rialzo Montefibre (più 16%) e Beghelli (più 12,4%). Da lunedì prenderà avvio il road show di Piquadro, per la quotazione al mercato Expandi.