Petrolio, nuovo record: oltre 107 dollari

Il prezzo del petrolio
continua a bruciare record e vola a quota 107,65 dollari al barile. Dopo aver viaggiato in territorio
negativo in premercato, l'oro nero assesta un
rialzo di oltre 2,50 dollari rispetto a settimana scorsa

New York - Ennesimo rialzo del greggio battuto sul mercato di Wall Street. Dopo aver aperto di poco sotto i 105 dollari, il contratto sul light sweet crude ha immediatamente imposto un avvio al rialzo fino a volare a quota 107 dollari al barile. E più tardi il greggio tocca anche i 107,65 dollari al barile, volando più di 2,50 dollari rispetto all’ultima rilevazione di venerdì.

Oro nero alle stelle Ennesimo record bruciato dall'oro nero sulla piazza di New York. Dopo aver viaggiato in territorio negativo in premercato, i futures sul petrolio con scadenza ad aprile scambiati a New York tornano a puntare con decisione verso l’alto, complice anche il basso valore del dollaro. Le quotazioni del greggio testano il nuovo record sopra i 107 dollari al barile, con oltre due dollari di rialzo rispetto a venerdì.

I carburanti Ancora aggiustamenti all’insu per il prezzo dei carburanti, con il gasolio sui massimi, sempre più vicino a 1,35 euro al litro e la benzina che sfiora quota 1,41 euro. Oggi hanno rivisto il prezzo del diesel consigliato ai gestori Api e Ip, portandolo a 1,348 euro al litro. Un livello che si allinea così al un nuovo picco record raggiunto sabato dalla Esso, che oggi, invece, ha ritoccato, rialzandolo di 2 millesimi, il prezzo della verde.