Petrolio Opec, tagli in arrivo al prossimo vertice

L’Opec potrebbe tagliare nuovamente la produzione del petrolio durante la sua riunione del 18-19 marzo a Vienna se i prezzi scenderanno ulteriormente. A rivelarlo è stato ieri il rappresentante iraniano presso il Cartello dei Paesi esportatori. «Se i prezzi del petrolio continuano a scendere, il taglio della produzione nella riunione di marzo non sarà improbabile», ha detto Mohammad Ali Khatibi, citato dal sito del ministero del Petrolio. Il rappresentante iraniano ha accennato alla possibilità di una riunione straordinaria in febbraio, ma ha aggiunto che «non c’è ancora un accordo in merito». Dal settembre scorso, il Cartello ha già ridotto l’output di 4,2 milioni di barili al giorno, senza ottenere , ha ridotto la sua produzione di 1,2 milioni di barili al giorno dopo il taglio deciso in sede Opec. L’Arabia Saudita intende, invece, tagliare da febbraio la produzione di altri 300mila barili al giorno a seguito della decisione presa dall’Opec. Secondo il re saudita Abdullah, il giusto prezzo del petrolio è attorno ai 75 dollari, un valore ben distante dagli attuali 40 dollari.
RE