Il petrolio sotto i 50 dollari al barile

da Milano

Il petrolio è arrivato ieri sotto la soglia dei 50 dollari al barile (a 49,90), dopo i dati sulle scorte Usa che mostravano un aumento degli stock superiori alle attese degli specialisti, sia di greggio, sia di benzine e gasolio per riscaldamento. È il minimo dal 25 maggio 2005, con un calo di due dollari rispetto a solo 24 ore prima. L'Agenzia internazionale per l’energia (Iea) ha previsto una diminuzione della domanda internazionale di greggio nel 2007 di 160mila barili al giorno, proprio come conseguenza dell'inverno particolarmente mite in Europa e negli Stati Uniti. Il prezzo del petrolio in giornata era oscillato in seguito alla notizia di un’esplosione in una raffineria del Kuwait.
Intanto la prima visita in Algeria del ministro russo dell'Energia ed Industria Viktor Khristenko, che si svolge fino a lunedì, «è importante e decisiva» secondo la stampa algerina che sottolinea come la notizia abbia riacceso i timori europei della possibile creazione di una Opec del gas, ipotesi smentita da Mosca e da Algeri.