Peugeot, per la 407 è tempo di novità Più versioni a gasolio

Da fine anno anche l’unità di 2 litri con 140 cavalli e filtro contro il particolato già in linea con le norme Euro 5

da Socheaux

Cambiano soprattutto, anche se non in maniera eclatante, la berlina e la wagon, mentre la Coupé si aggiorna solo in alcuni dettagli. Per tutte le nuove 407, però, arriva un’evoluzione del turbodiesel common rail di 2 litri con il filtro antiparticolato. Da fine anno, infatti, sarà disponibile nella variante da 140 cv già in grado di rispettare le annunciate norme Euro 5. La nuova unità, tuttavia, non manda in pensione quella da 136 cv che continuerà il suo lavoro in abbinamento con il cambio automatico-sequenziale a sei marce, offerto in alternativa al meccanico con analogo numero di rapporti.
La ridefinizione della gamma delle 407 più classiche, almeno in Italia, è completata dalla netta predominanza di motorizzazioni turbodiesel - oltre a quella citata ci sono il 1.600 Hdi da 110 cv e i biturbo di 2.2 e 2.7 litri con 170 e 207 cv - rispetto a quelle a benzina, ora rappresentate solo dal 1.800 cc da 125 cv. La famiglia delle sportive rimane sostanzialmente immutata, fatta eccezione (come detto) per il programmato avvicendamento tra le due varianti del 2.0 Hdi Fap. Il nuovo è, ovviamente, più sobrio nei consumi e più rispettoso dell’ambiente, ma alla prova dei fatti sfodera un temperamento analogo a quello dell’unità da 136 cv. Di conseguenza, non si riflette né sulle ormai arcinote qualità dinamiche della 407 né sul comfort che essa offre a chi si accomoda nell’abitacolo.
Berlina e Sw si presentano anche con lineamenti leggermente rivisti, impressi da calibrati ritocchi alle sovrastrutture della carrozzeria - mascherina, scudi paraurti, colorazione della fanaleria posteriore e comparsa di qualche fregio cromato - che si abbinano a un aggiornamento dell’interno e a un arricchimento delle dotazioni. Per le versioni Tecno e Féline arrivano finiture di colore nero lacca sulla plancia e i pannelli delle porte, che si accompagnano alla presenza di molti particolari cromati, oltre che con nuovi sistemi d’info-intrattenimento battezzati Wip inclusi nella dotazione di serie. Unitamente ad altri dispositivi, come i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, limitano anche l’impatto con l’annunciato leggero incremento di prezzo (mediamente di 500 euro per le Tecno e di 600 euro per le Féline) di queste versioni rispetto a quelli delle corrispondenti 407 della generazione precedente. Non muta, invece, il listino delle entry-level Premium. Il range di prezzi delle berline e delle wagon oscilla, quindi, da 22.500 a 37.600 euro.