Peugeot e il Partner giusto Lavorare diventa un piacere

Più 247%. Con i tempi che corrono, fa davvero impressione il dato relativo alle immatricolazioni del Partner, modello di punta nella gamma dei veicoli commerciali Peugeot, che rispetto all'anno scorso sono cresciute di quasi due volte e mezza. Lanciato nel 2008 con l’obiettivo dichiarato di diventare il nuovo punto di riferimento del proprio segmento, il furgoncino del Leone ha letteralmente bruciato le tappe, ritagliandosi una posizione di tutto rispetto nelle scelte di mobilità dell’utenza professionale.
Merito, in primo luogo, di una serie di caratteristiche che lo rendono particolarmente adatto all’impiego commerciale, a cominciare dagli spazi interni: nella versione «corta» da 4,38 metri, infatti, il Partner vanta un volume di carico di 3,3 metri cubi, abbinato a una capacità che tocca gli 851 kg. Nella variante «lunga» da 4,63 metri, invece, il volume raggiunge addirittura i 3,7 metri cubi. E non è tutto: la larghezza di 1,23 metri in corrispondenza dei passaruota permette in entrambe le versioni di caricare senza problemi un euro-pallet di misura standard (1,20x0,80 metri).
Spazio in abbondanza, quindi. Ma progettato con un occhio di riguardo alla facilità di utilizzo e alla robustezza. Particolare cura, per esempio, è dedicata alla protezione dell’interno contro gli urti provocati dai carichi trasportati: per questo, le pareti laterali sono dotate di un rivestimento completo sotto la linea di cintura della carrozzeria, mentre a mettere al sicuro le rifiniture superiori del pianale ci pensa un tappeto sintetico. E per sposare praticità e sicurezza, i tecnici Peugeot hanno pensato alla chiusura selettiva delle porte, con un pulsante sulla plancia che permette di bloccare o sbloccare la zona di carico indipendentemente dalla cabina.
Da bravo «compagno di lavoro», il Partner si preoccupa anche di facilitare la vita dei suoi utilizzatori. E lo fa proponendo un’innovazione come il sedile Plan Facile, che - novità assoluta per il mercato dei furgoncini - permette di ospitare una terza persona per brevi tragitti. Parzialmente ripiegabile, questo sedile consente inoltre di usufruire di 400 litri supplementari di volume di carico, che raggiunge così i 3,7 o 4,1 metri cubi, in base alla variante scelta.
Quando si parla di comfort a bordo, poi, l’acustica è uno dei primi fattori da prendere in considerazione: e qui il best seller del Leone si posiziona ai vertici.
E ancora in tema di benessere, tra gli optional figura la climatizzazione manuale con riciclo dell’aria interna, mentre per chi viaggia in condizioni di freddo intenso è disponibile un sistema di riscaldamento supplementare ed ecologico, che utilizza l’energia termica dello scarico per accelerare l’innalzamento della temperatura nell’abitacolo. Ampia la scelta dei motori, che comprende un benzina 1.6 litri da 90 cv e tre diesel: 1.6 litri Hdi da 75 e 90 Cv e 1.6 litri Hdi Fap da 90 cv. Nato per avere un comportamento dinamico ineccepibile con qualsiasi livello di carico, il Partner dispone, di serie, di collegamenti al suolo che gli consentono di affrontare senza problemi tutti i tipi di fondo. A questi, di recente si è aggiunto il Grip Control, che dopo l’esordio sulla crossover 3008 ha così debuttato anche nel settore dei veicoli commerciali. In pratica, oggi il furgoncino di Peugeot ottimizza la motricità delle ruote anteriori attraverso un sofisticato sistema antislittamento sviluppato in collaborazione con Bosch e integrato nel calcolatore dell’Esp, grazie al quale è possibile trarsi d’impaccio nelle situazioni difficili che però non necessitano di tutte le funzionalità tipiche di un 4x4. In base alle condizioni della strada, poi, il Grip Control può essere regolato dal conducente su cinque diverse modalità: Esp standard, neve, fango, sabbia ed Esp off. E per finire, uno sguardo alla gamma: quella del Partner, è arricchita dalla versione Doppia Cabina Mobile, che all’insegna della massima flessibilità può viaggiare nelle configurazioni due o cinque posti.