Un pezzo di Genoa vola a Pechino

Una pennellata di rossoblù nelle prossime Olimpiadi di Pechino, proprio così perché il Genoa sarà ben rappresentato. Infatti Mimmo Criscito e Salvatore Bocchetti fanno parte dei ventidue Azzurrini sono stati convocati dal tecnico federale Pierluigi Casiraghi: obiettivo la medaglia d’oro. Senza dimenticare Anthony Vanden Borre, nel mirino della Nazionale Olimpica del Belgio. Soddisfazioni importanti per il Genoa nel giorno dell’ufficializzazione degli arrivi di Raffaele Palladino (cinque milioni per la metà del cartellino) e Criscito, per quest’ultimo rinnovo del prestito per un milione di euro. Intanto, il Genoa pensa sempre al rinforzo difensivo, come ha spiegato anche ieri il presidente Enrico Preziosi in un’intervista a Radio Marte: «Siamo sempre interessati a Domizzi, come anche a Dainelli ma non vedo l'urgenza di chiudere subito. Mancano ancora due mesi alla fine del calciomercato e abbiamo tutto il tempo per concludere positivamente una trattativa». E su Domizzi ha aggiunto: «Il calciatore non è stato convocato in ritiro? Non lo sapevo: posso solo dire che non faremo mai nulla che possa metterci contro il Napoli: con Marino e De Laurentiis abbiamo ottimi rapporti. Non escludo che nell'affare Domizzi possano entrare delle contropartite tecniche», ha concluso Preziosi. A questo punto potrebbe diventare determinante per arrivare a Domizzi la metà del cartellino di Papa Waigo (l’altro 50% appartiene alla Fiorentina) di proprietà del Genoa. Il Napoli, infatti, ha bisogno di un attaccante e il senegalese potrebbe interessare ai partenopei. Dunque, Dainelli sembrerebbe più lontano anche perché la Fiorentina prima di lasciarlo andare vuole trovare un sostituto che al momento non c’è: l’operazione Domizzi pare più semplice da realizzare. Anche se il procuratore del giocatore spiega che non siamo ancora alla stretta finale per la conclusione dell'affare. Intanto, ieri Steve Pinau del Monaco ha effettuato le visite mediche. Il giovane difensore ha totalizzato due presenze con la squadra del Principato nella Ligue 1 di Francia: arriverebbe al Genoa a parametro zero ma non c’è ancora la firma sul contratto. Passiamo alla Samp mentre Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, allontana l’ipotesi di Sheva in maglia doriana («Se viene in Italia, viene da noi. Ma una persona vicinissima ad Abramovich mi ha detto che non si muove»), la pista che porta a Nicola Amoruso rimane sempre la più concreta anche perché la trattativa con la Lazio continua a rimanere in stand by: «Sono passati una decina di giorni da quando il mio procuratore - ha spiegato l'attaccante - e il presidente della Lazio si sono visti un appuntamento durato non più di tre minuti e appunto non c'è stato il tempo materiale di scendere nei particolari: non è assolutamente vero che io non abbia trovato l'accordo. Piuttosto è stato il presidente Lotito ad aver fatto marcia indietro». E ieri è arrivato il primo acquisto per la Sampdoria, ha firmato Marius Stankevicius, 27enne lituano dal Brescia, è l’erede di Maggio.