Pezzotta promuove De Mita e boccia Mastella Casini: Ciriaco capolista in Campania

<p>
Il leader della Rosa Bianca: &quot;Supereremo lo sbarramento anche al Senato, siamo sopra l'8%&quot;. Quindi spiega la campagna acquisti: &quot;Sì a De Mita, no a Ferrara e a Mastella&quot;
</p>

Roma - "Abbiamo buone speranze di far bene al Senato e anche qualche sondaggio che ci dice che ci stiamo avvicinando al superamento della soglia, per cui siamo ottimisti anche da questo punto di vista". Il leader della Rosa Bianca, Savino Pezzotta, intervistato da Maurizio Belpietro per "Panorama del giorno" su Canale 5, fa sfoggio di ottimismo e rifiuta l'etichetta di "partito raccogli ex dc". Pensate di superare lo sbarramento dell'8%? chiede Belpietro, e Pezzotta dice: "Ce la possiamo fare". Ribadisce Pezzotta: "Vogliamo costruire un centro intermedio tra i due partiti grandi partiti, come elemento di stimolo e di moderazione della politica italiana" e dice che è una "leggenda metropolitana" la storia per cui la Rosa vorrebbe raccogliere i resti democristiani sparsi, anche se "certo che raccogliamo una parte dell’eredità della Democrazia cristiana, che in questo Paese non è stata poi una presenza negativa, se vogliamo fare un pochino di storia, ma vogliamo essere una cosa nuova".

No a Ferrara sì a de Mita Sul fronte delle alleanze, il no a Giuliano Ferrara e alla sua lista per la moratoria sull’aborto si spiega con il fatto che "Ferrara fa una battaglia interessante ma tende con questa sua iniziativa a marginalizzare il tema. Il tema della vita è un tema completo, un tema complessivo". Quanto a Ciriaco De Mita, l’ex leader Cisl ammette che "non è nuovissimo è vero, però se dobbiamo guardare i nuovissimi della politica ne abbiamo per tutti, chi è senza peccato scagli la prima pietra. Non è che difendo - prosegue - la posizione di De Mita. De Mita se corre in Campania, corre al Senato. In una situazione dove tutti corrono sicuri, il fatto che uno corra rischiando secondo me è da rispettare".

Mastella? No... Su Clemente Mastella Pezzotta è netto: "Noi abbiamo già chiuso le nostre partite e Mastella ha oscillato un pò troppo per cui?". Insomma, non c’è posto per Mastella alla Rosa bianca? "No".

Casini: Ciriaco capolista in Campania De Mita "arruolato" dunque. Infatti arriva la conferma: sarà il capolista dell’Udc in Campania per il Senato. Lo dice Pier Ferdinando Casini che, annunciando la candidatura di Alessandra Borghese nel Lazio, spiega che "Francesco D’Onofrio sarà capolista per Palazzo Madama in tutta Italia, tranne Lazio, Campania e Sicilia". In quest’ultima regione scontato il numero uno per Salvatore Cuffaro. E De Mita sarà capolista in Campania? "Credo proprio di sì", risponde il leader dell’Udc.