Phelps leggenda del nuoto: ottavo oro e record Atletica: Bolt è il Fenomeno dei cento metri

Michael Phelps ha cancellando il primato di Spitz, sette volte oro a
Monaco '72. <a href="/a.pic1?ID=283660" target="_blank"><strong>Atletica</strong></a>: il giamaicano straccia tutti con la scarpa slacciata. <a href="/a.pic1?ID=283670" target="_blank"><strong>Nuoto</strong></a>: Alessia, la Pupona anti-Pellegrini argento negli 800. <a href="/a.pic1?ID=283673" target="_blank"><strong>Scherma</strong></a>: finale mancata per una stoccata, il Dream Team la butta in rissa. <a href="/a.pic1?ID=283862" target="_blank"><strong>Calcio</strong></a>: l'Italia è fuori

Pechino - Michael Phelps ha compiuto le sue otto, meravigliose fatiche. A conclusione del nuoto olimpico nell'Acquatics Center, il campione di Baltimora ha cancellato il primato di Mark Spitz, sette volte oro a Monaco '72, vincendo il suo ottavo oro ai Giochi cinesi. L'ultima medaglia, la più preziosa e la più attesa, è arrivata dalla staffetta dei 4x100 misti, ed è stato ancora una volta record del mondo per gli Stati Uniti. Phelps ha pianto sul podio e ha poi abbracciato la madre in tribuna tra i flash di decine e decine di fotografi: è lui l'immagine di questa Olimpiade, insieme con Usain Bolt. Nella mattinata di Pechino, la sciabola azzurra spreca l'occasione di andare in finale per l'oro: Luigi Tarantino, Diego Occhiuzzi e Aldo Montano si fanno rimontare in semifinale dalla Francia, finisce 45-41 e l'appuntamento è alle 18 ora cinese per il terzo gradino del podio. In attesa delle finali di Tania Cagnotto nel trampolino 3 metri e di quelle del canottaggio azzurro (finale doppio uomini con Luini-Miani e quattro di coppia con Agamennoni, Galtarossa, Raineri, Venier), torna a casa con l'ennesimo crac in valigia l'Italia del calcio. "E' mancata la nostra classe", ammettono Rossi e Giovinco. La delusione è tanta, Casiraghi ammette che cominciava a sentir odore di medaglia. Combatte per una medaglia del pugilato Clemente Russo, ai quarti dei 91 chili contro l'ucraino Oleksandr Usyk. Nella mattinata di Pechino, sono state assegnate altre medaglie pesanti: l'oro della maratona donne, che è andato alla romena Constantina Tomescu davanti alla keniana Ndereba e alla cinese Chunxiu, e soprattutto i due argenti di Dara Torres, con i suoi 41 anni la 'nonna' del nuoto olimpico. L'americana è salita sul secondo gradino del podio nei 50 stile e nella 4 per 100 misti. Storico anche l'oro del tunisino Mellouli nei 1500 stile, il primo nel nuoto per il suo paese. Ad apertura della nona giornata, infine, nuovo caso di doping: é la greca Fani Halkia, campionessa olimpica in carica dei 400 metri ostacoli, trovata positiva a un controllo fuori dai Giochi, lo scorso 10 agosto.