Più «campane» per la plastica

La raccolta differenziata della plastica a Genova non sarà più un problema. O meglio, non avrà più scuse chi ritiene di potersela evitare perché la campana di raccolta, sotto casa, non c'è. Sono infatti in arrivo in tutta la città nuovi contenitori, più piccoli delle classiche campane gialle, ma altrettanto in grado di svolgere il loro compito. «Diversi cittadini si sono rivolti a noi - spiega Lilli Lauro, consigliera comunale della Lista Biasotti -, lamentando che le campane per la raccolta della plastica sono quasi introvabili». Della penuria di «campane» se n'è discusso ieri pomeriggio in aula Rossa a Palazzo Tursi.
«Sulla diffusione dei raccoglitori della plastica siamo indietro - spiega l'assessore al ciclo dei rifiuti del Comune di Genova, Carlo Senesi -. Fino ad ora è stato soprattutto un problema di ingombri: le campane sono piuttosto grandi». Così, si è pensato a contenitori di dimensioni inferiori per le strade con poco spazio. «In questo modo - dice l'assessore Senesi - prevediamo di poter offrire un servizio sempre più capillare».
Gli stessi contenitori, nel 2009, serviranno anche per raccogliere l'alluminio. Non servirà più, quindi, dividere gli oggetti per tipologia. È la raccolta «multi-materiale leggera»: bottiglie e lattine, saranno poi separate in altra sede, attraverso delle apposite calamite.
Un incentivo in più, secondo Senesi, per coinvolgere attivamente i cittadini nella raccolta differenziata della spazzatura. Che già può contare, soprattutto per quanto riguarda la plastica, su buoni risultati. «Nei primi 10 mesi del 2008 abbiamo raccolto 1826 tonnellate di materie plastiche - commenta l'assessore al ciclo dei rifiuti-, e contiamo di migliorare nel prossimo anno». Il posizionamento dei nuovi bidoncini è già iniziato nei quartieri di San Fruttuoso, Cornigliano, Castelletto e Oregina. Nell'arco del 2009 saranno sistemati in tutta la città.