Più entrate, fabbisogno in calo

da Roma

Migliora il fabbisogno di cassa dello Stato. Sebbene l’avanzo mensile di bilancio di luglio di quest’anno sia inferiore a quello dello stesso periodo del 2007 (2,2 miliardi contro i 3,65 dello scorso anno), nei primi sette mesi dell’anno il fabbisogno si ferma a quota 21 miliardi e 124 milioni, contro i 22,7 miliardi del 2007. Con un miglioramento di circa 1,6 miliardi di euro.
Al risultato si è giunti - spiega una nota del ministero dell’Economia - grazie al buon andamento delle entrate, alimentato dal gettito dell’autoliquidazione. Un fenomeno quest’ultimo determinato dallo slittamento da giugno a luglio dei versamenti delle aziende di grandi dimensioni.
Una parte del maggior gettito è stato assorbito dalle spese realizzate sia dall’amministrazione centrale, sia dagli altri enti territoriali.
In più, sempre sul mese di luglio hanno pesato le erogazioni alle Regioni per l’estinzione dei debiti sanitari pregressi sia il pagamento del bonus ai pensionati al minimo.
Il prossimo Bollettino statistico della Banca d’Italia fotograferà il dato del fabbisogno nell’ammontare cumulato del debito pubblico.