«Più inchieste e un ufficio ad hoc, il ministero vigila sull’applicazione»

Il dolore non è solo oncologico ma anche osteoarticolare o cronico benigno. La legge 38 prevede l’istituzione di un Ufficio apposito all'interno del Ministero della Salute, diretto dal dottor Marco Spizzichino, per controllare come le Regioni stanno applicando la legge. Con l’incontro a Bruxelles, lo scorso maggio, è stato possibile far conoscere la normativa a tutti gli altri Paesi europei e condividere molti obiettivi comuni. Il professor Guido Fanelli, coordinatore della Commissione ministeriale sulla terapia del dolore e cure palliative, giudica il monitoraggio avviato dal nuovo Ufficio diretto da Spizzichino «fondamentale per l’attenzione rivolta all’impiego dei farmaci più appropriati e alle prestazioni eseguite». Ha poi ricordato che la Commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio Sanitario Nazionale, presieduta dal senatore Ignazio Marino, ha ordinato ai Nas un'operazione a tappeto, con verifiche a sorpresa in molte strutture ospedaliere; circa 600 uomini, in oltre 200 ospedali, hanno valutato il reale stato di applicazione della normativa. «Mi sembra che l'indagine richiesta dalla Commissione d'inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale sia un ulteriore, significativo segnale per tutti gli operatori sanitari, i pazienti e i loro familiari - commenta Fanelli - una legge dello Stato va rispettata più che mai, quando è in gioco la qualità di vita dei pazienti».