Più luci e tappeti: la stazione Centrale si rifà il «look»

Al via la collaborazione tra Amsa e Grandi Stazioni: arrivano cento nuovi cesti per i rifiuti

Decorare l’ingresso della Stazione Centrale di modo che, agli occhi delle 320mila persone di passaggio ogni giorno, questo non appaia come un cantiere aperto. Perché in effetti, la Stazione Centrale, un grande cantiere in fervente lavoro, lo è da tempo. Via libera quindi a grandi tappeti di tartan, a imponenti pannelli raffiguranti le quattro stagioni e a un centinaio di nuovi cesti per la raccolta dei rifiuti: il tutto rigorosamente dipinto di verde. Insomma, una grande operazione di «ecomarketing», come l’ha definita Carlo Petra, direttore generale dell’Amsa, volta a donare decoro a quello che altrimenti sarebbe un vero e proprio pugno nell’occhio. Intervenendo alla giornata di presentazione dei lavori di pulizia e restauro della Galleria delle Carrozze della Stazione Centrale, Petra ha spiegato come «l’iniziativa di Amsa si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione dell’intera area. La società Grandi Stazioni, che sta totalmente riammodernando l’edificio, ci ha gratuitamente concesso gli spazi dove affiggere le nostre insegne e i nostri cartelli». Ecco quindi svelato il significato dell’operazione: una campagna di sensibilizzazione sulla pulizia degli ambienti pubblici, fortemente voluta dall’amministrazione comunale, strategicamente posta a celare i lavori di ristrutturazione.
«I milanesi sono molto affezionati alla loro stazione - spiega l’assessore all’arredo e al decoro urbano Maurizio Cadeo - ecco perché questo allestimento è così importante. Dobbiamo poi pensare che da questa porta passano giornalmente centinaia di migliaia di persone: è il nostro biglietto da visita, non può che essere eccellente». E a questo scopo «è prevista una riqualificazione del piazzale antistante la Galleria delle Carrozze». Saranno infatti collocati un centinaio di nuovi cesti per la raccolta dei rifiuti, sarà garantita la pulizia quotidiana della galleria, e sarà intensificata l’illuminazione di piazza Duca d’Aosta. «Un’iniziativa - conclude l’assessore - che coniuga i problemi quotidiani della città con l’attenzione ai grandi progetti».
Perché entrambe le società, di grandi progetti ne hanno, eccome. Amsa - in occasione del centesimo anniversario dalla fondazione - ha previsto una serie di iniziative volte a pulire dalla spazzatura svariati quartieri della città, mentre Grandi Stazioni ha da tempo concretamente avviato, sulla Stazione Centrale, un’ambizioso piano di lavoro. Un importante progetto da 120milioni di euro che, oltre alla pulizia e al restauro di ampie parti dell’edificio, suddividerà l’ingresso della stazione su 5 livelli: da quello più basso della metropolitana, a quello rialzato da dove quotidianamente giungono e partono circa 500 treni.