Più parcheggi e via il pavé: la città apre alle moto

L’assessore Simini: «Stiamo pensando di estendere l’uso delle preferenziali»

Buone notizie per i centauri milanesi. Moto e motorini andrebbero agevolati molto di più secondo l’assessore ai Lavori pubblici di Palazzo Marino, Bruno Simini in quanto aiutano a ridurre il traffico e inquinano molto meno delle auto. Per questo gli uffici di via Pirelli stanno lavorando per rendere agli oltre 350mila tra motocicli circolanti in città la vita più sicura e più facile. A partire dai parcheggi: sono quasi 16mila, infatti i posti riservati a moto e motorini creati e in programma per il 2008, duemila in più rispetto al 2007. «Il nostro obiettivo è creare duemila parcheggi all’anno» dichiara Simini.
Per rendere più scorrevole la circolazione ai centauri e per proteggerli dal traffico e da eventuali incidenti l’assessore sta pensando di estendere l’accesso alle corsie preferenziali anche alle moto, a partire da corso Magenta o via Mazzini.
Le azioni per la sicurezza non sono finite: nel 2008 infatti sono stati stanziati 4 milioni di euro che serviranno per rimuovere il pavè, nelle zone dove non è sottoposto a vincolo dalla sovrintendenza e i binari morti. «In via Palestro, per esempio, il tram non passa dal 1961 eppure i binari sono ancora lì» sottolinea Simini.