Più Pepe in attacco se va via Bonazzoli

Federico Casabella

Un po' di Pepe nell'attacco della Samp. Il nome nuovo che si affaccia all'orizzonte blucerchiato è quello del 23enne attaccante da gennaio in forza all'Udinese ma di proprietà del Palermo. Potrebbe essere questa una delle scelte della Sampdoria per la prossima stagione se la dirigenza non riuscisse a chiudere la trattativa per tenere Emiliano Bonazzoli.
Il bomber di inizio campionato, la cui proprietà si divide tra Parma e Reggina, è corteggiato anche dall'Udinese che rischia di perdere Iaquinta, tentato dall'offerta della Roma. Il passaggio in giallorosso del bomber friulano è una possibilità così concreta che i Pozzo hanno già mosso i primi passi inserendosi nelle trattative tra Samp e Reggina, facendo slittare il passaggio della comproprietà amaranto alla Sampdoria. Se non sarà Bonazzoli il partner di Flachi, l'alternativa potrebbe essere rappresentata dal giovane Pepe. L'attaccante, esploso in serie B al Piacenza due stagioni fa e acquistato da Zamparini l'estate passata, da gennaio ha giocato in prestito nell'Udinese. Scendendo lo stivale, Pepe potrebbe fermarsi a Genova senza fare più ritorno in Sicilia. L'affare si potrebbe inserire nel maxi scambio in atto tra Palermo e Sampdoria che stanno trattando per portare in Sicilia Pisano e Palombo in cambio di Accardi, Bonanni ed un conguaglio economico. Se per il terzino la questione sembra a buon punto (il procuratore di Pisano, Marronaro, ha detto che la trattativa non è chiusa ma a buon punto), è ancora da imbastire la cessione di Palombo: è possibile che Marotta chieda a Zamparini il cartellino di Pepe come parziale contropartita.
Invece, ad ulteriore conferma dell'addio di Aimo Diana da Genova, Marotta, ieri mattina, ha dato per scontato il suo passaggio alla Fiorentina: «Con la società Viola ci siamo già accordati - ha detto parlando ad una radio toscana -. Non dovrebbero sorgere problemi per chiudere l'affare». La Samp incasserà dall'operazione tra i 5 ed i 6 milioni e il difensore Christian Maggio (ex Treviso). Tramonta, invece, l'idea di vedere in blucerchiato Alvaro Recoba; il giocatore resta nerazzurro.