Più piste e sicurezza Il Comune «pedala» per il popolo delle bici

Giannino della Frattina

Rastrelliere per oltre 5mila nuovi posti bici, altri chilometri di piste ciclabili, collegamenti e lavori di messa in sicurezza per i vecchi percorsi, rifacimenti della segnaletica e allestimento di itinerari turistici. Il Bici Festival 2006, organizzato anche quest’anno dal Comune in collaborazione con venticinque tra associazioni e consorzi in contemporanea con la sessantaquattresima edizione dell’Eicma (il Salone del Ciclo), parte con l’impegno di Palazzo Marino per una nuova campagna a favore delle due ruote.
«La bicicletta - spiega l’assessore alla Mobilità, Trasporti e Ambiente Edoardo Croci - può essere una scelta vincente per contribuire alla qualità dell’aria e della vita di tutti. Il Comune, che sta pianificando una nuova rete di piste e di itinerari ciclabili, ritiene che l’agevolazione di questa scelta sia una delle sue priorità». Avanti, allora con il programma di portare al più presto da 70 ad almeno 100 i chilometri di piste in città. Un impegno, in verità, preso con molta serietà anche dal suo predecessore, quel Giorgio Goggi che insieme al sindaco Gabriele Albertini avevano moltiplicato i pochissimi chilometri trovati al loro arrivo, costruendone ben 48 di nuovi. Una fatica che l’assessore Croci si impegna a proseguire. E allora ecco il piano con lo stanziamento dei fondi (ben 400mila euro) per l’installazione di nuove rastrelliere in 130 punti della città. Trenta nelle zone più centrali per le quali si terranno particolarmente in considerazione le nuove indicazioni di conformità riguardo all’arredo urbano, e ben cento in periferia. In tutto oltre 5mila posti dislocati in particolare nei pressi delle stazioni del metrò, delle biblioteche, delle università e degli uffici pubblici. Al via, in tempi rapidi anche la messa in sicurezza e la costruzione dei tratti di collegamento fra le piste già esistenti. Pronti anche i progetti per i nuovi percorsi. Particolare attenzione per quelli intorno alla cerchia dei Bastioni e per quelli con interesse turistico.
Il miglior modo per dare il benvenuto alle giornate del Milano Bici festival. «Anche quest’anno – spiega Croci - sono state invitate a partecipare tutte le associazioni cittadine impegnate a promuovere la mobilità ciclabile, ma anche l’utilizzo rispettoso e consapevole della nostra città». Si comincia questa mattina alle 7,45 da Piazzale Loreto con «Al lavoro in bicicletta» a cura di Ciclobby. I cittadini che d’abitudine utilizzano la bici per recarsi al lavoro raggiungeranno in gruppo Piazza Duomo. All’arrivo, alle 8,30, prima colazione offerta a tutti i partecipanti. Poi ciascuno proseguirà per il proprio luogo di lavoro. Si prosegue in serata con «La grande notte della bici» a cura di Eicma e Asco Baires. Dalle 20 alle 2 di notte corso Buenos Aires sarà chiuso al traffico. Aperti, invece, i negozi e tutto il corso sarà animato da eventi, spettacoli, gazebo. In programma evoluzioni spettacolari in bici (Bike trial, spinning, dirt, flatland), esibizioni di ballo, presentazioni dedicate alla bici e tante altre iniziative.